VISITE OSTETRICHE

Gravidanza
Gravidanza

Oltre alla visita ostetrica vera e propria, che ci fornisce le necessarie informazioni cliniche sullo stato di genitali esterni, collo uterino ed utero (vedi visita ginecologica), si effettua un'ecografia di supporto con visualizzazione di camera gestazionale, embrione o feto a seconda dell'epoca gestazionale con datazione della gravidanza, valutazione del battito cardiaco e della crescita fetale (biometria) ed il controllo di placenta e liquido amniotico.

Durante la visita vengono controllati peso e pressione arteriosa, prescritti i necessari esami ematochimici, controllati gli esami già effettuati e prescritti eventuali integratori o farmaci se necessari.

Mi avvalgo nei diversi studi di apparecchi ecografici VOLUSON  di ultima generazione (E e E6).


La prima visita ostetrica deve essere effettuata entro la 10^ settimana di amenorrea, preferibilmente a 7-8 sett. am.

Infatti a partite da quest'epoca di gestazione è possibile visualizzare l'embrione e valutarne la vitalità con la rilevazione del battito cardiaco fetale.

In condizioni fisiologiche (cioè se la donna sta bene e non ci sono particolari problematiche ) le visite successive d'accordo con la paziente  si eseguono  ad intervalli di circa sei settimane.

 

In caso di problemi:  dolori,  perdite di sangue, contrazioni dolorose, diminuzione dei movimenti attivi fetali (MAF) , aumento della Pressione Arteriosa o in caso di patologie preesistenti  o  insorte durante  la  gravidanza in corso  la prima visita può essere anticipata  e le visite successive devono avvenire con frequenza  maggiore.

Le ecografie più approfondite e che richiedono una competenza particolare: del 2° trimestre (20-21 sett. - detta comunemente morfologica) e del 3° trimestre (30-32 sett.- detta comunemente di accrescimento) possono essere effettuate nel mio studio da una collega esperta. 

Queste due ecografie possono anche  essere eseguite in ospedale o ambulatori convenzionati con richiesta del medico di base.

 

Per l'eventuale diagnosi prenatale ricorro alla collaborazione di colleghe certificate presso la Fetal Medicine Foundation esperte nelle problematiche attinenti :

° ultra screen con translucenza nucale,
° villocentesi,

° amniocentesi, 

° diagnosi prenatale su sangue materno,

° ecografia del 2° e del 3° trimestre.

La decisione se  effettuare diagnosi prenatale e con quale metodica viene valutata caso per caso d'accordo con la paziente e con acquisizione di consenso informato.

Feto 12+ settimane di amenorrea
Feto 12+ settimane di amenorrea

Il calcolo delle settimane di amenorrea si fa per convenzione a partire  dal primo giorno dell'ultima mestruazione. La gravidanza dura 40 settimane e la data presunta del parto coincide con 40+0 settimane. 

Se la differenza tra il dato anamnestico (cioè i giorni presunti in base all'ultimo ciclo) e le misure dell'embrione è di almeno 7 giorni si effettua una ridatazione.

Cio' avviene perchè l'ovulazione e quindi il concepimento possono non avvenire proprio il 14° giorno del ciclo ma avvenire in giorni  diversi.

La data presunta del parto non è una data entro cui si deve partorire, ma la data attorno alla quale è statisticamente più probabile che avvenga il parto. se non si è ancora partorito da questo giorno si effettuano  controlli più accurati in ospedale.