PAP TEST   e   HPV DNA TEST

prelievo citologico con spatola di legno
prelievo citologico con spatola di legno

Nei paesi in cui da anni si effettua lo screening  per la prevenzione del tumore del collo dell'utero con il PAP TEST  (striscio cervicale secondo Papanicolaou),  si è notevolmente ridotta la mortalità  per cancro cervicale.

Con lo screening l'incidenza di questo tumore maligno, che in passato colpiva frequentemente  giovani donne,  si è notevolmente ridotta .

I relativamente pochi casi ancora diagnosticati in Italia, (circa 3500 all'anno),  si manifestano quasi sempre  in donne che non hanno mai effettuato un  Pap test, oppure lo hanno effettuato in modo  discontinuo.

Le modalità di prelievo dei due test (Pap test e HPV) sono simili: dopo avere evidenziato il collo dell'utero  si prelevano le cellule superficiali grattando la superficie del collo con una spatola di legno e il canale con uno spazzolino apposito. Per il Pap test il materiale viene poi strisciato sul vetrino, fissato, colorato e infine letto al microscopio da un citologo esperto. Nel caso del test HPV il materiale viene invece  messo in un liquido apposito e inviato in laboratorio.

IL PAP TEST E L'hPV DNA test sono due esami distinti e di diverso significato

Pap test AL MICROSCOPIO : CELLULE
Pap test AL MICROSCOPIO : CELLULE

Il PAP TEST  che è un esame citologico (cioè che  esamina le singole cellule ) ci dice se le cellule epiteliali  del collo dell'utero sono sane, oppure se ci sono alterazioni cellulari da verificare in modo approfondito con esami di 2° livello  (vedi COLPOSCOPIA).

Le alterazioni delle cellule del collo dell'utero (displasia e CIN) vengono segnalate solo dal Pap test che rimane un  test di screening  sicuro e validato in tutto il mondo. Avere un Pap test che evidenzia anomalie cellulari  significa che sono necessari approfondimenti per stabilire la reale presenza e natura di eventuali lesioni, non che è già presente  tumore!

Dopo i 30 anni  si può associare l'HPV  test , il cui esito e significato può essere valutato solo da un  ginecologo esperto  in queste problematiche. A tutt'oggi  non esistono evidenze e protocolli validati sull'impiego  dell'HPV  test  nello screening, anche se in alcune regioni italiane è stato proposto lo screening primario  con l'HPV TEST.

 

Biopsia al MICROSCOPIO : TESSUTO
Biopsia al MICROSCOPIO : TESSUTO

L'HPV DNA TEST rileva la presenza di DNA virale   nelle cellule del collo dell'utero e ci dice solo se il virus HPV  è presente in quel momento e a quale categoria di rischio appartiene ( medio o alto),  ma non ci dice se le cellule sono sane o se vi sono delle alterazioni.  

In caso di presenza di HPV ad alto rischio solo in rari casi si verificano alterazioni cellulari   che possono ancor più raramente , se non diagnosticate col Pap test e la Colposcopia,  trasformarsi  in cancro nel corso degli anni.

L'HPV DNA test  si può associare al PAP TEST ma  non deve essere impiegato prima dei 30 anni, perché fino a questa età la presenza di HPV è molto frequente   e nella maggior parte dei casi l'organismo si libera del virus senza che questo abbia causato lesioni durevoli.

Avere un HPV DNA test positivo non significa essere  malati, ma solo che è presente un fattore di rischio  e ciò non  deve causare paura o ansia .

In certi casi durante  gli  approfondimenti per  Pap test positivo (ad esempio in caso di ASC US) o nel follow up  dopo Leep si ricorre al test HPV DNA, il cui esito va valutato nel contesto clinico  caso per caso.